Bocca di culto

Un divano ispirato al ritratto di Mae West eseguito da Dalí e alle labbra rosse delle star di Hollywood non può e non vuole passare inosservato. Un pezzo d’arredamento sfacciatamente pop originariamente nato per soddisfare la richiesta di un cliente privato e poi passato alla produzione (ovviamente limitata). Un oggetto di culto dal DNA inconfondibilmente pop, sensuale e provocatore, che rappresenta un archetipo femminile a suo modo elegante. Diceva Oscar Wilde che “C’è una sola cosa al mondo peggiore di essere sulla bocca di tutti, ed è di non essere sulla bocca di nessuno”: un rischio che con Boccadoro non è possibile correre, nemmeno metaforicamente.

Si tratta della creazione del gruppo di amici e studenti di architettura Studio 65. Appassionati di pop art americana, dei film della Nouvelle Vague e del New American Cinema, decidono di crearsi un’isola felice creativa che li tenesse lontani dalla realtà. A produrre l’iconico divano è Gufram, azienda torinese che ha realizzato la versione dorata di Bocca per celebrare i cinquant’anni dell’azienda. Cinquanta pezzi soltanto per un pezzo da collezione rarissimo il cui valore è destinato a salire col tempo.

Boccadoro è lungo 212 centimetri, profondo 80 e alto 85. Misure tutto sommato standard per un divano assolutamente sopra le righe. Un pezzo di design presente nei musei più importanti che ha bisogno di spazi ampi per avere respiro (d’altronde si tratta di una bocca) e catturare tutta l’attenzione su di sé. Lo vedremmo bene in un ambiente carico di verde, dove l’oro delle labbra può risplendere come se si trattasse di un tempio in mezzo a una foresta. Un idolo pop pronto a fagocitare gli sguardi di tutti i presenti.

Boccadoro è in super-offerta a metà prezzo su Mohd a 7320 euro (invece che 14.640€).