Dorica, ionica, corinzia, pipistrello

Le ispirazioni sono molteplici e disparate: le colonne dell’architettura classica greca, l’art nouveau, le ali di un pipistrello. Disegnata da Gae Aulenti nel 1965, questa lampada era originariamente destinata ai negozi Olivetti di Parigi e Buenos Aires e si discosta nettamente dal movimento razionalista dominante all’epoca. La caratteristica più innovativa per l’epoca era il braccio…

Continua a leggere

Minimalismo obliquo

Il bello del minimalismo è che ci spinge a esplorare gli oggetti e gli spazi per rilevare la minima increspatura in un design apparentemente piatto. L’asta leggermente incurvata delle Leaf Floor Lamp, in questo caso, costituisce una piccola pazzia se inserita in un contesto apparentemente improntato alla sobrietà più assoluta. Progettata dal duo di designer…

Continua a leggere

Flowerpot Power

Lo stile futuristico e gioioso degli anni Sessanta è inconfondibile e spesso irresistibile, ma corre anche il rischio di stagnare, ai giorni nostri, nella categoria delle bizzarrie di modernariato. Le creazioni di designer come Verner Panton superano questo ostacolo con nonchalance grazie alla loro capacità di risultare tuttora moderne e attuali. La lampada Flowerpot, oggi…

Continua a leggere

In esterna con Tolomeo

Tolomeo è indiscutibilmente un classico dell’illuminazione, che nella versione outdoor diventa un grande classico dell’illuminazione. La versione per esterni della celebre lampada di Artemide, infatti, ne aumenta le misure ma conserva la raffinata semplicità della versione originale. Gli elementi strutturali sono stati semplicemente irrobustiti per rispondere alla maggiore sollecitazione. La versione Mega Outdoor di Tolomeo…

Continua a leggere

Non voglio mica la luna (invece sì)

Su queste pagine parliamo spesso (troppo?) di funzionalità: questo non vuol dire che gli eccessi e le stravaganze non ci piacciano, anzi. E chi siamo noi per definire cosa sia necessario o meno quando si parla di design? Perché negarci la luna, se a offrircela è Seletti? La lampada My Moon prende il satellite dei…

Continua a leggere

Potere del trio

Fatboy progetta i propri prodotti con un obiettivo esplicito: scansare la noia del quotidiano con un sorriso. E quanto è tedioso non trovare le chiavi, il portafoglio, il telefono quando si sta per uscire di casa e non si ha il tempo nemmeno di specchiarsi per verificare che, almeno nel viso, sia tutto al proprio…

Continua a leggere

Lampada da banchiere Flos

Non una mera riproduzione, bensì l’aggiornamento di un classico dell’illuminazione. Goldman di Flos riprende l’estetica della lampada da banchiere (che, scopriamo, può chiamarsi anche lampada ministeriale) ma la modifica attraverso il filtro della funzionalità contemporanea così da non farsi risucchiare dal vortice della nostalgia. Ideata dal designer Ron Gilad, Goldman produce una luce LED diretta…

Continua a leggere

Un fungo in movimento

La lampada Setago si racconta già dall’anagrafica. La parola seta in spagnolo significa “fungo”, evidentemente ispirazione per le fattezze di questa creazione. Il suffisso -go, invece, rivela qualcosa sulla dinamicità: si tratta, infatti, di una lampada ricaricabile: un funghetto da cogliere e portare in giro con sé per la casa. Leggerissima, Setago è stata realizzata…

Continua a leggere

Candle with a twist

Non c’è molto da raccontare, diciamo la verità. Si tratta di un oggetto che parla per sé: candele a spirale firmate Hay. Il rigore danese associato al Made in Italy (sì, manifattura italiana) produce un oggetto quotidiano letteralmente with a twist. Disponibili in confezioni da sei candele di vari colori, sono un regalo di sicuro…

Continua a leggere

Grattacielo di luce

Pulizia, rigore e modernità: sono tre parole che riassumono brevemente Ilio, lampada da terra di Artemide. Un palo alto ben 174 centimetri (ma dal diametro di 9 centimetri) poggia su una piccola base quadrata. Spogliata di ogni decorazione, questa lampada da terra arreda e illumina regalando una fonte di colore alla casa. Disegnato da Ernesto…

Continua a leggere