Fichi d’India senza spine

“Good vibes only” è la mission di Qeeboo, marchio italiano con sede a Milano. I suoi prodotti, creati da un gruppo di designer e architetti presieduto dal fondatore, Stefano Giovannoni, vengono definiti “espressamente non borghesi”. Un’etichetta, così come l’obiettivo delle buone vibrazioni, che si adatta perfettamente a un set di poltroncine a forma di fico…

Continua a leggere

Spaghetti da giardino

Un concentrato di italianità in chiave moderna: Lido Spaghetti dichiara sin dall’anagrafica le sue radici. Si tratta di una seduta che ricorda inequivocabilmente gli arredi dei bar anni Cinquanta. Telaio in alluminio verniciato e seduta costituita, appunto, dai cosiddetti “spaghetti”, resistenti corde in pvc che riescono a portare fino a 120 chili. La qualità longilinea…

Continua a leggere

Copenaghen sul Mediterraneo

Desert è una articolo che ribalta le aspettative: una sedia a sdraio pensata per gli esterni che sarebbe perfetta in un salotto contemporaneo. Oppure: una seduta in un tessuto grezzo dalla spiccata componente tattile che si rivela essere in plastica riciclata. Il tutto presentato in una forma agile e modernista. A realizzarla è Ferm Living,…

Continua a leggere

Col trattore in salotto

Achille e Pier Giacomo Castiglioni disegnano Mezzadro nel 1957, in occasione della mostra “Forme e colori nella casa d’oggi” allestita a Como e Zanotta lo mette in produzione nel 1970. A distanza di più di sessant’anni c’è ancora in questo oggetto una forza radicale, ironica e rivoluzionaria. E come potrebbe essere diversamente? Il sedile di…

Continua a leggere

Made By Happiness

Non solo un oggetto di design nordico, ma anche una lezione di lingua e cultura dedicata alla Finlandia. Si chiama Laakso, che in finlandese significa valle ma è anche la zona di Helsinki in cui questa seduta è stata ideata. Nel 2017 ha vinto il premio come migliore sedia al Restaurant & Bar Design Awards:…

Continua a leggere

La sedia imperatrice

Sissi, nome deliziosamente evocativo per una sedia moderna che guarda alla Vienna imperiale. Realizzata in polipropilene copolimero con fibra vetro, materiale che ne permette l’utilizzo sia in esterni che negli ambienti interni, unisce alla vezzosità del motivo intrecciato la praticità del design contemporaneo italiano. Progettata per Driade dal duo di architetti e designer Ludovica + Roberto…

Continua a leggere

Baby Seletti

Educarli bene ed educarli subito. I bambini devono comprendere fin dalla più tenera età l’importanza fondamentale del design, presenza necessaria nella vita di qualunque adulto funzionante. A questo proposito vi presentiamo la Baby Chair Pantone, un modo subdolo per instradarli alla dipendenza da Seletti. Si tratta sostanzialmente della versione mignon del classico di Seletti per…

Continua a leggere

L’ultima seduta caraibica

Dire che questa sedia lascia poco all’immaginazione sarebbe un eufemismo. A partire dal nome, Caribe, dichiara apertamente la sua provenienza e la sua ispirazione. La geolocalizzazione è Santa Marta, città colombiana sulla costa caraibica da cui proviene anche la tecnica intrecciata che ha dato vita a questo trionfo di forme e colori. La sedia Caribe…

Continua a leggere

Elementare, Hay

Disegnando Eléméntaire i fratelli Ronan ed Erwan Bouroullec si erano posti due obiettivi: doveva essere una sedia bella ma economica. E in plastica, ma non doveva sembrare una sedia di plastica. Una sfida non da poco, visto che, come sottolineano loro stessi, le città europee sono piene di sedie in forme o colori che deturpano…

Continua a leggere

Re Bubu I

Polipropilene di design con un nome (e una firma) a cui è difficile resistere. Bubu 1er, infatti, è stato ideato da Philippe Starck, architetto e designer tra i più influenti e prolifici del nostro secolo. La sua missione? Creare degli oggetti capaci di migliorare la vita a più persone possibile. Una concezione democratica e idealista…

Continua a leggere