La fiamma è sempre accesa

Le candele votive hanno già di per sé una carica pop non indifferente. Se poi vengono manipolate dalla squadra di TOILETPAPER, il risultato è esplosivo. Maurizio Cattelan e Pierpaolo Ferrari hanno creato una collezione di candele profumate in cera naturale, ma a modo loro. Le decorazioni über-colorate e irriverenti dei vasetti lasciano intuire la fragranza…

Continua a leggere

Una scultura del c.

Un pene. In porcellana. Non c’è molto da aggiungere, ci sembra. Chi non lo vorrebbe in casa, appeso alle pareti in mezzo alle foto di famiglia e ai quadri? O in bagno, no, in cucina, ancora più incongruo e quindi affine alla natura ironica di Marcantonio per Seletti. Al di là della carica anticonformista proveniente…

Continua a leggere

Venerdì notte coi vicini

Due lampade d’atmosfera nel vero senso della parola. L’unione di Seletti col designer Marcantonio produce sempre risultati spiazzanti. Un’ironia che stravolge, anche qui nel senso letterale del termine. L’atmosfera, in questo caso, deriva dall’illuminazione, ma anche dal contesto in cui viene creata. My Little Friday Night e My Little Neighbour sono due universi narrativi da…

Continua a leggere

Camaleonte bianco

Di Marcantonio vi abbiamo già parlato svariate volte, quindi, siccome siamo pigri, ci linkiamo da soli. Dinosauro, topolini, topolini bis, scimmietta: il suo bestiario luminoso per Seletti riproduce animali, estinti o meno, in pose spesso antropomorfe. Portatori di luce, nel senso più letterale del termine grazie alle loro lampadine pop, sono capaci di ravvivare, anche…

Continua a leggere

Anacronismi by Seletti

Uno scontro frontale tra un classico degli anni Ottanta, la gomma da masticare rosa, e la civiltà classica sotto forma di testa in resina: il risultato non può che essere l’apoteosi del pop. Le chiome ondulate alla Giulio Cesare incorniciano un volto quantomeno perplesso dalla sfera bubblegum pink che si sviluppa dalla sua bocca per…

Continua a leggere

Colori primari

Di Marcantonio e del suo zoo per Seletti abbiamo già parlato svariate volte, ecco perché stavolta non ci dilungheremo più di tanto. Il designer romagnolo è riuscito nell’impresa incredibile di rendere adorabile l’idea di avere un topo in giro per casa: non è un’impresa da poco. In questo caso i tre topolini – Lop, Mac…

Continua a leggere

Il culo sui popcorn

Seletti non fa per i deboli di cuore. I prodotti del marchio, nato nel 1964 in provincia di Mantova, giocano costantemente coi concetti di kitsch, camp e buon gusto, fregandosene completamente di ciò che è accettabile o elegante. La collezione di sedie pieghevoli disegnata da Studio Job non si discosta da questo atteggiamento, così che…

Continua a leggere

Tre parole: cuore, fiore, amore

La rima cuore/amore è diventata il paradigma del romanticismo trito e scontato. Aggiungiamoci “fiore” e il miele diventa insostenibile. Eppure Marcantonio, designer di cui abbiamo parlato più e più volte, è riuscito a trasformare questi concetti abusati in una dichiarazione d’amore pop. E anche un po’ pulp. Love in Bloom è un vaso in ceramica…

Continua a leggere

The cat is on the table

La caratteristica più assurda di questa lampada di Seletti è forse il suo debutto in società, avvenuto alla Stockholm Furniture and Light Fair 2018. In mezzo a chilometri di legno di faggio chiaro e senso della misura, una lampada a forma di gatto che incongruamente si illumina azionandola dal didietro. Jobby The Cat Lamp è…

Continua a leggere

I tre topolini (non è una fiaba)

Ci dev’essere un motivo davvero valido per desiderare ardentemente un topo in casa. Roditore di dimensioni ridotte ma tra i più temuti per le incursioni casalinghe, Seletti è riuscito a farlo diventare un’icona popolarissima del design italiano contemporaneo (tra i più venduti del marchio). Step, Lop e Mac, questi i nomi dei tre topolini, fanno…

Continua a leggere