Baby Seletti

Educarli bene ed educarli subito. I bambini devono comprendere fin dalla più tenera età l’importanza fondamentale del design, presenza necessaria nella vita di qualunque adulto funzionante. A questo proposito vi presentiamo la Baby Chair Pantone, un modo subdolo per instradarli alla dipendenza da Seletti. Si tratta sostanzialmente della versione mignon del classico di Seletti per…

Continua a leggere

Il teschio di Seletti

Ci pensa Seletti a stravolgere il concetto di soprammobile: da decorazione inutile buona a prendere polvere diventa una decorazione inutile e meravigliosa buona ad attirare gli sguardi e pietrificarli. Poteva essere altrimenti con un teschio in porcellana? Il Mio Teschio (non è letteralmente quello di chi scrive o di chi l’ha ideato) fa parte della…

Continua a leggere

Amabili rettili

Con un eufemismo si potrebbe dire che l’unione di Seletti e TOILETPAPER non è esattamente un’esaltazione dello stile borghese. Ma è anche vero che quattro oggetti con lo stesso decoro costituiscono pur sempre una ricerca di armonia classica. Anche se a ritornare è una fantasia di serpenti psichedelici. Maurizio Cattelan e Pierpaolo Ferrari concedono a…

Continua a leggere

La fiamma è sempre accesa

Le candele votive hanno già di per sé una carica pop non indifferente. Se poi vengono manipolate dalla squadra di TOILETPAPER, il risultato è esplosivo. Maurizio Cattelan e Pierpaolo Ferrari hanno creato una collezione di candele profumate in cera naturale, ma a modo loro. Le decorazioni über-colorate e irriverenti dei vasetti lasciano intuire la fragranza…

Continua a leggere

Una scultura del c.

Un pene. In porcellana. Non c’è molto da aggiungere, ci sembra. Chi non lo vorrebbe in casa, appeso alle pareti in mezzo alle foto di famiglia e ai quadri? O in bagno, no, in cucina, ancora più incongruo e quindi affine alla natura ironica di Marcantonio per Seletti. Al di là della carica anticonformista proveniente…

Continua a leggere

Venerdì notte coi vicini

Due lampade d’atmosfera nel vero senso della parola. L’unione di Seletti col designer Marcantonio produce sempre risultati spiazzanti. Un’ironia che stravolge, anche qui nel senso letterale del termine. L’atmosfera, in questo caso, deriva dall’illuminazione, ma anche dal contesto in cui viene creata. My Little Friday Night e My Little Neighbour sono due universi narrativi da…

Continua a leggere

Camaleonte bianco

Di Marcantonio vi abbiamo già parlato svariate volte, quindi, siccome siamo pigri, ci linkiamo da soli. Dinosauro, topolini, topolini bis, scimmietta: il suo bestiario luminoso per Seletti riproduce animali, estinti o meno, in pose spesso antropomorfe. Portatori di luce, nel senso più letterale del termine grazie alle loro lampadine pop, sono capaci di ravvivare, anche…

Continua a leggere

Anacronismi by Seletti

Uno scontro frontale tra un classico degli anni Ottanta, la gomma da masticare rosa, e la civiltà classica sotto forma di testa in resina: il risultato non può che essere l’apoteosi del pop. Le chiome ondulate alla Giulio Cesare incorniciano un volto quantomeno perplesso dalla sfera bubblegum pink che si sviluppa dalla sua bocca per…

Continua a leggere

Colori primari

Di Marcantonio e del suo zoo per Seletti abbiamo già parlato svariate volte, ecco perché stavolta non ci dilungheremo più di tanto. Il designer romagnolo è riuscito nell’impresa incredibile di rendere adorabile l’idea di avere un topo in giro per casa: non è un’impresa da poco. In questo caso i tre topolini – Lop, Mac…

Continua a leggere

Il culo sui popcorn

Seletti non fa per i deboli di cuore. I prodotti del marchio, nato nel 1964 in provincia di Mantova, giocano costantemente coi concetti di kitsch, camp e buon gusto, fregandosene completamente di ciò che è accettabile o elegante. La collezione di sedie pieghevoli disegnata da Studio Job non si discosta da questo atteggiamento, così che…

Continua a leggere