Non voglio mica la luna (invece sì)

Su queste pagine parliamo spesso (troppo?) di funzionalità: questo non vuol dire che gli eccessi e le stravaganze non ci piacciano, anzi. E chi siamo noi per definire cosa sia necessario o meno quando si parla di design? Perché negarci la luna, se a offrircela è Seletti? La lampada My Moon prende il satellite dei…

Continua a leggere

Un porco in casa

La legge proibisce di tenere animali da stalla o fattoria in casa, ma negli interstizi della giurisprudenza ha trovato spazio la genialità di Seletti. La creatività ferina di Marcantonio ha dato vita a Sending Animals, una collezione di mobili a forma di animale da sfoggiare in ogni ambiente. Realizzati in legno lavorato e decorato come…

Continua a leggere

Vanità al muro

Scansare l’accusa di vanità appendendo le prove al muro: ovviamente è possibile grazie a Seletti al suo gioco di ribaltamenti iper-realistici. Il Vanity Mirror, lo specchietto con cui verificare lo stato della propria perfezione, diventa parte integrante di chi ci si riflette, dato che una mano è ancora stretta attorno al manico. Un oggetto quasi…

Continua a leggere

S for Shit

Un articolo sobrio, sottotono, dalla grazia delicata. Perfetto per chi ama i toni neutri e punta a una casa contegnosa e morigerata. Ecco, la sedia imbottita Shit è esattamente il contrario di questa descrizione. Pois, giallo acceso, stampa pop e turpiloquio: porta la firma di Seletti, chi l’avrebbe mai detto? Si tratta di un pezzo…

Continua a leggere

La scimmia illumina

Il bestiario di Marcantonio si evolve, Darwin ne sarebbe orgoglioso, e raggiunge la posizione eretta. La celebre scimmia bianca stringe la luce del progresso e la porta verso l’esterno. Con 54 centimetri di altezza si conferma un animale domestico essenziale per l’illuminazione, stavolta degli spazi aperti. La Monkey Lamp è caratterizzata da forme molto realistiche…

Continua a leggere

Neon Cuore Amore

Cosa c’è di più pop di un cuore? E cosa c’entra San Valentino con giugno? Unite le risposte a queste domande e il risultato sarà Seletti. Il marchio più impertinente del design italiano si è dato al neon, come spesso fa, per festeggiare il santo degli innamorati. L’ispirazione è ovviamente over the top: le insegne…

Continua a leggere

La scatola dei soldi

Lorenzo Petrantoni è un artista appassionato del XVIII secolo. Il suo amore per libri, riviste e dizionari dell’epoca si traduce in ricchi collage di scritte e illustrazioni che creano immagini dal dinamismo ipnotico. La sua collaborazione con Seletti non poteva che tradursi in un oggetto insolito e che, come sempre nella tradizione del marchio, tocca…

Continua a leggere

Baby Seletti

Educarli bene ed educarli subito. I bambini devono comprendere fin dalla più tenera età l’importanza fondamentale del design, presenza necessaria nella vita di qualunque adulto funzionante. A questo proposito vi presentiamo la Baby Chair Pantone, un modo subdolo per instradarli alla dipendenza da Seletti. Si tratta sostanzialmente della versione mignon del classico di Seletti per…

Continua a leggere

Il teschio di Seletti

Ci pensa Seletti a stravolgere il concetto di soprammobile: da decorazione inutile buona a prendere polvere diventa una decorazione inutile e meravigliosa buona ad attirare gli sguardi e pietrificarli. Poteva essere altrimenti con un teschio in porcellana? Il Mio Teschio (non è letteralmente quello di chi scrive o di chi l’ha ideato) fa parte della…

Continua a leggere

Amabili rettili

Con un eufemismo si potrebbe dire che l’unione di Seletti e TOILETPAPER non è esattamente un’esaltazione dello stile borghese. Ma è anche vero che quattro oggetti con lo stesso decoro costituiscono pur sempre una ricerca di armonia classica. Anche se a ritornare è una fantasia di serpenti psichedelici. Maurizio Cattelan e Pierpaolo Ferrari concedono a…

Continua a leggere